ANP e Democrazia…

Pubblichiamo un intervento dell’ON. Rina De Lorenzo, nostra collega e già Dirigente Sam-Gilda, a commento del documento di 10 Dirigenti Scolastici ANP contro le Organizzazioni sindacali del comparto Scuola:

Vergognatevi! E’ l’invito che Berlusconi rivolse ai magistrati fiorentini “rei” di indagare quell’intruglio di corruzione e malaffare che portò alle stragi mafiose.
Vergogna! Urlava Sgarbi dagli scranni di Montecitorio al cospetto dei colleghi deputati che votavano la legge anticorruzione.
VERGOGNATEVI! (il maiuscolo è nell’originale) hanno gridato sdegnati all’indirizzo dei sindacati in una nota sottoscritta, una decina di dirigenti scolastici capitanati dall’ex segretaria dell’ex ministro Bussetti, universalmente noto per aver sintetizzato il suo piano per il rilancio della scuola al Mezzogiorno nella ormai celebre frase “Vi dovete impegnare forte” rivolta agli sfaccendati docenti del Sud.
Parafrasando la famosa battuta dell’Amleto di Shakespeare «Vergogna, dov’è il tuo rossore?» viene immediatamente da chiedersi dove sia la colpa dei ciarlieri sindacati tale da invocarne l’oblio (eterno?). Tutto viene chiarito nelle righe successive allorquando si scrive: “Un comunicato unitario delle sigle sindacali rappresentative chiede al MI che sia immediatamente ritirata la nota Bruschi perché “contenente modalità di organizzazione del lavoro che sono oggetto di relazioni sindacali”.
Continue reading

Intervento della On. Granato VS il Ministro Azzolina

Pubblichiamo l’Intervento dell’On. Granato, in risposta alle dichiarazioni della Ministra dell’Istruzione Azzolina di ieri 16 marzo.
Cara Ministra Lucia Azzolina,

Abbiamo ascoltato il suo discorso ieri sera. Siamo consapevoli che ognuno di noi in questo momento difficile per il Paese è chiamato a rivedere le modalità di svolgimento del proprio lavoro adattandole all’emergenza in corso.
Ma proprio perché siamo in un momento di emergenza non possiamo lasciare all’autonoma iniziativa e capacità dei singoli dirigenti scolastici la gestione della didattica a distanza.
Continue reading

Emergenza virus: indicazioni dal M.I.

Seppur – a nostro avviso – con notevole ritardo, ieri sera il Ministero Istruzione ha pubblicato una Nota Congiunta in cui si delineano indicazioni atte a rendere cogente ed omogenea l’applicazione delle norme. Dovrebbero così cessare tutte le fantasiose iniziative dirigenziali.
Quanto alla “didattica a distanza” ricordiamo che anche l’ANP (sindacato dei Dirigenti Scolastici) ha dichiarato che
“…l’obbligo non sussiste. I docenti non possono essere obbligati ad attuare questo genere di lezioni. Tuttavia, in questi giorni gli insegnanti hanno la possibilità effettiva di sperimentare le attività telematiche.” Per Mario Rusconi, quindi, non c’è obbligatorietà. Anche se lui stesso sottolinea che si tratta di una possibilità. “Sono convinto che da questa situazione difficile possano emergere delle opportunità di miglioramento: gli insegnanti possono, in particolare, avvantaggiarsi sulla preparazione in ambito digitale”.
Nota congiunta

Risposte a Costanzo

Come forse saprete, il 29 gennaio durante una trasmissione radiofonica su Isoradio, Maurizio Costanzo si è lasciato andare a commenti offensivi e sessisti sulle Maestre, con termini e paragoni che non possono non offendere tutta la categoria Docente. Le gravissime affermazioni meriterebbero anche una risposta “politica” dal Ministro competente.
Pubblichiamo la Lettera del Coordinatore nazionale GILDA, e la lettera aperta del Dott. Lodolo D’Oria (maggior esperto italiano di stress lavoro/correlato tra i Docenti).
Lettera a Costanzo – GILDA
- Lettera aperta al dr. Maurizio Costanzo da Dott. Lodolo D’Oria
al Conduttore della trasmissione “Strada Facendo” su Isoradio con Carlotta Quadri
E p.c.

Ministero Pubblica Istruzione Sindacati Scuola Associazioni di categoria Gruppi Parlamentari, Testate TV, Radio, Agenzie Ordine Giornalisti, FNSI
Oggetto: Esternazioni e volgarità nella trasmissione “Strada facendo” del 29.01.20 Isoradio
Egregio dottor Costanzo,
sono un medico che si occupa da 30 anni delle malattie professionali degli insegnanti, nonché della loro usura psicofisica per un lavoro socialmente non riconosciuto e sottopagato (siamo ultimi nella UE). Dal 2014 mi interesso anche dei “Presunti Maltrattamenti a scuola” (PMS) degli alunni per capire se questo fenomeno è dovuto alle riforme previdenziali che costringono esauste maestre-nonne a restare in classe o ad altre questioni come un’indole perversa. Proprio il 28 gennaio u.s. ho presentato i risultati dell’indagine 2014-2016 che sono sorprendenti e sintetizzo.

Continue reading

Esami di Stato: audizione in Parlamento – GILDA

Esame maturità, F. Gilda-Unams: servono regole certe e durature
¬ Memoria audizione GILDA al Senato
“Obiettivo dell’esame di Maturità è, e deve continuare a essere, certificare a livello nazionale quelle conoscenze, abilità e competenze richieste per il conseguimento del titolo riconosciuto dallo Stato. Valorizzare le ‘competenze’ a progressivo scapito del ‘sapere’ rischia di svuotare di senso l’Esame di Stato a tal punto da indurre alla sua abolizione, un provvedimento che segnerebbe la sconfitta della Scuola della Repubblica e la vittoria della scuola di mercato. Chiediamo alle forze politiche e al Governo di garantire una normativa di lungo periodo per il funzionamento e le procedure relative all’Esame di Stato. Non si possono cambiare regole e modalità di svolgimento dell’Esame ad ogni cambio di Governo”.

Continue reading

GILDA INDICE PER IL 23 OTTOBRE UNA GIORNATA DELL’INSEGNANTE

insegnanteGiornata Nazionale del Docente: domani assemblee in tutta Italia
Assemblee provinciali in contemporanea in tutte le scuole d’Italia per presentare le proposte tese alla valorizzazione della professione docente. È l’iniziativa indetta dalla Gilda degli Insegnanti per il 23 ottobre.
Con lo slogan “Basta burocrazia! Ridateci il tempo per studiare e il piacere di insegnare!”, la Gilda degli Insegnanti raccoglie il grande disagio dei docenti italiani, sempre più spesso vessati da burocrazia, dirigenti e famiglie e rimasti soli a difendere il valore istituzionale del sistema scolastico. Mantenendo accesi i riflettori sulle loro condizioni di lavoro ogni giorno più difficili, domani nel corso delle assemblee si discuterà con gli insegnanti delle misure avanzate dalla Gilda per rivendicare uno status professionale e giuridico degno del loro ruolo: area contrattuale separata; consiglio superiore della docenza; preside elettivo e garanzie disciplinari: sarà anche l’occasione per rilanciare le rivendicazioni economiche e normative per il rinnovo del contratto nazionale.
ASSEMBLEE PADOVA e ROVIGO assemblee 23 ottobre