Berlinbianchi: il decreto legge su reclutamento e formazione continua: confuso, complicato e provocatorio

Da infodocenti.it – Frabrizio Reberschegg – Gilda Venezia.
Il Consiglio dei Ministri ha licenziato il testo del decreto legge che dovrebbe portare all’ennesima riforma del reclutamento e all’ennesimo sconfinamento della Legge (..meglio del governo) in materia contrattuale. Il provvedimento, dicono, si rende necessario per ottenere i finanziamenti previsti dal PNRR. Peccato che i finanziamenti attesti siano finalizzati soprattutto alla riconversione dell’attuale edilizia scolastica, a nuova edilizia scolastica e all’implementazione del “servizio” della scuola dell’infanzia e dei nidi. Come è noto i soldi del PNRR non possono essere utilizzati per aumenti stipendiali dei docenti e del personale della scuola. Anzi il DEF, recentemente licenziato dal Parlamento, prevede incredibilmente una riduzione degli stanziamenti per la scuola in nome del previsto decremento demografico dei prossimi anni.

Continua a leggere

Maleducati e contenti

di Massimo Gramellini, Il Corriere della sera, 7.4.2022 – Si può condannare una maestra a quasi due mesi di reclusione per avere sgridato dei bambini di quinta elementare che, dopo avere imbrattato le pareti dei bagni con le loro feci, avevano ignorato i rimbrotti della bidella con sovrano menefreghismo? Non riesco più nemmeno ad avercela coi genitori che hanno sporto denuncia. Ormai tutto quello che si poteva dire sul rimbambimento narcisistico della categoria è stato detto: basta che un figlio racconti di essere stato vittima di un sopruso perché certi padri e certe madri prendano per buona la sua versione e si scaglino contro l’educatore esterno che ha cercato di supplire alle loro carenze. Come se la condanna dell’insegnante servisse ad assolverli.

Continua a leggere

L’oscuro lavoro fuori classe dei docenti pagato 3-4 euro l’ora, almeno la formazione va retribuita: le richieste della Gilda a Bianchi

Tecnica della Scuola: Un incremento stipendiale irrisorio che si esaurirà molto presto e che non rende affatto merito alla mole di lavoro che grava sulle spalle dei docenti: con queste parole Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Fgu-Gilda degli Insegnanti, ha aperto il suo intervento con il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, sull’Atto di indirizzo del nuovo contratto del pubblico impiego presentato il 1° febbraio ai sindacati.

Continua a leggere

Stipendi scuola, l’Italia nelle ultime posizioni dell’Europa

Da infodocenti.it Il rapporto Eurydice

Chi decide di fare l’insegnante in Italia non la fa certo per i soldi. Visto anche che i nostri stipendi sono fermi da cinque anni, il nostro paese, come conferma l’ultimo rapporto di Eurydice “Teachers’ and School Heads’ Salaries and Allowances in Europe 2019/20”, si trova nelle ultime posizioni della classifica Ue per le retribuzioni dei docenti. 

Continua a leggere

La cattiva retorica dell’insegnante eroe e missionario (il manifesto)

Scuola. L’alternativa fra tutela dei docenti e tutela degli allievi è quanto di più falso esista 

Il faticoso e incerto avvio dell’anno scolastico sembra per il momento aver favorito l’archiviazione di una parte delle più inconsistenti e pericolose accuse verso il mondo della scuola, mosse da alcuni settori dell’opinione pubblica e del giornalismo di destra. Ci riferiamo ai commenti sprezzanti su una classe docente ritenuta ipertutelata, ipersindacalizzata, precaria per propria colpa, fannullona, analfabeta informatica e perennemente in vacanza. Continua a circolare, tuttavia, una retorica opposta, da cui occorre ugualmente prendere le distanze, che solo apparentemente sembra dare il giusto riconoscimento agli sforzi e all’impegno sin qui messi in campo dalla comunità scolastica (compreso il fondamentale personale ausiliario e amministrativo, troppo spesso dimenticato).
Continua a leggere

La curva dei contagi sale, gli indizi puntano verso gli studenti (huffpost)

 

21/10/2020 12:04 CEST | Aggiornato 23 ore fa

La curva dei contagi sale, gli indizi puntano verso gli studenti

Con la riapertura delle scuole circa 8 milioni di giovani in età scolare hanno iniziato a frequentarsi dentro e fuori gli istituti. Questo probabilmente ha portato a un effetto amplificatore dei contagi.

casi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Dire che verranno assunti 85mila docenti precari non significa nulla

Flora Frate: Dire che verranno assunti 85mila docenti precari non significa nulla (da infodocenti.it)

L’on. Flora Frate del Gruppo Misto, insegnante, da sempre molto vicina al mondo della scuola e dei precari, con un post Facebook, fa una lunga riflessione in merito alle prossime immissioni in ruolo che qua riportiamo: “Ogni settimana in tv, in una nota trasmissione serale, e senza un minimo di contraddittorio che non sia lo stucchevole gioco delle parti di un giornalismo accomodante. In pochi possono vantare un privilegio del genere. Finisce così che passano i messaggi più distorti, il reality che prende il sopravvento sulla realtà.”
– In particolare l’on. si sofferma sulle immissioni…

Continua a leggere

Scuola: confronto sul Protocollo Sicurezza – tutto in salita

unacrepaincomune: XIII Giornata “Sicurezza nelle scuole” E’ stato avviato il Confronto tra Ministero e parti sociali, sul tema della Sicurezza, in vista del possibile rientro a scuola dal 1 settembre, ma anche per quanto riguarda l’organizzazione delle attività conclusive dell’anno scolastico in corso.
Si è partiti in ritardo, rispetto alle molte altre categorie di lavoratori, nonostante sin dall’inizio dell’emergenza la parte sindacale avesse segnalato l’esigenza di dare un quadro di legittimità e certezze.
¬ Comunicato stampa unitario
¬ 
Comunicato stampa GILDA: maturità vicina, sicurezza lontana