Formazione su sostegno, il Ministero insiste sull’obbligo


Il giorno 14 settembre 2021, alle ore 16.00, si sono riunite in videoconferenza le delegazioni dell’Amministrazione (DG-Personale) e delle OOSS firmatarie per discutere il seguente odg: Formazione del personale scolastico. Il direttore dott. Serra in apertura della riunione ricorda la norma che ha introdotto l’obbligo di formazione dei docenti senza la specializzazione di sostegno che hanno nelle proprie classi alunni disabili: art. 1, comma 961 della Legge 178/2020. In attuazione di tale norma, il ministero ha emanato il Decreto 188 del 21 giugno 2021 e la nota n. 27622 del 6 settembre 2021. Il direttore ribadisce che il Ministero non può fare altro che dare attuazione all’obbligo di formazione dei docenti per una disposizione legislativa. La Gilda, come le altre OO.SS., riafferma la propria contrarietà all’obbligo di formazione, disaccordo già espresso anche in precedenza, in particolare nell’incontro del 4 giugno 2021, quando l’Amministrazione aveva pure dichiarato che avrebbe coinvolto le OO.SS. su un accordo in merito alle procedure da adottare nell’effettuare le 25 ore di formazione obbligatoria.

ACCORDO DISATTESO!
Nell’incontro la Gilda manifesta, ancora una volta, l’affievolirsi delle relazioni sindacali negli ultimi tempi evidenziando i seguenti aspetti:

  • La formazione è sempre oggetto di contrattazione con le parti sociali compresa la formazione obbligatoria per tutti i docenti non specializzati;
  • Nello stesso decreto 188/2021 ci sono diverse contraddizioni, quando si dice che il docente “è invitato” … (dunque non obbligato) e alla fine si dice che c’è “l’obbligo” di concludere i corsi entro novembre;
  • I tempi sono ristretti… impossibile attuare i corsi entro tale data;
  • Chi organizza i corsi: le “Scuole Polo” (che hanno pure le risorse) oppure le singole istituzioni scolastiche?
  • Si parla di “test di valutazione finale”. Si tratta della valutazione che i docenti danno al corso con il solito questionario oppure è una valutazione sui docenti? Ciò comporterebbe magari nel futuro una diminuzione degli insegnanti di sostegno.

A queste domande l’Amministrazione si trincera affermando che non ci sono canali per intervenire sulle incursioni legislative e dunque non resta che applicarle.

Infine la delegazione della FGU-Gilda degli Insegnanti chiarisce che fin dall’emanazione della legge Finanziaria 2021 ha protestato per l’introduzione dell’obbligo di formazione al di fuori della normativa contrattuale. Se non rientra tra gli obblighi contrattuali, la formazione deve essere retribuita, come del resto affermano le numerose sentenze, compresa quella della Cassazione. Registriamo una grande confusione nelle scuole e il rischio concreto di un robusto contenzioso. Un altro problema è dato dalle tempistiche, infatti il termine di novembre non è sicuramente possibile da rispettare dato il contesto di questo inizio di a.s. 2021/2022. Rispetto alla valutazione, la nostra delegazione chiede che il test finale per verificare l’efficacia del corso sia anonimo.

L’Amministrazione prende atto delle proteste delle OOSS ma ribadisce che il Ministero non può sottrarsi all’attuazione di una norma di legge. Tuttavia si impegna a verificare la possibilità di spostare la scadenza di novembre più avanti, così come di rendere anonimo il test finale. Riguardo alla richiesta di esprimersi sull’inserimento (anche con una FAQ) della formazione tra gli obblighi contrattuali definiti dal CCNL 2016/2018 (attività funzionali all’insegnamento di carattere collegiale), il Ministero si riserva di rispondere dopo aver effettuato le necessarie verifiche.

A margine dell’incontro le OOSS ricordano al direttore Serra che è stato chiesto al Capo Dipartimento un incontro per chiarire il malfunzionamento dell’algoritmo GPS e la situazione attuale visti i numerosi errori e le molteplici criticità emerse in diverse province. Anche i dati fino ad ora forniti sulle immissioni in ruolo effettuate necessitano di maggiori dettagli. Il direttore si impegna a verificare i dati e a fissare la data dell’incontro.

Piano scuola, Gimbe conferma inadeguatezza provvedimenti

Di Meglio: “Abbiamo avuto ragione a non siglare un protocollo le cui misure sono del tutto insufficienti a garantire la riapertura in sicurezza
“Dalla Fondazione Gimbe arriva un’autorevole convalida scientifica delle criticità contenute nel Piano Scuola, le stesse rilevate dalla Gilda e che ci hanno portato a non siglare neanche quest’anno un protocollo le cui misure di prevenzione sono del tutto insufficienti a garantire una riapertura in presenza al 100% in sicurezza”. Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta il monitoraggio indipendente realizzato dall’organizzazione presieduta da Nino Cartabellotta.

“La risalita della curva dei contagi dimostra la pervasività della variante Delta che, come fa notare Gimbe nel suo report, il piano scuola non è in grado di contrastare. D’accordo anche in merito alla tempistica degli interventi da mettere in campo, considerato che i 350 milioni del Decreto Sostegni bis ad oggi risultano ripartiti tra le scuole solo sulla carta ma non ancora nelle loro disponibilità, così come sulla mancanza di trasparenza riguardo alle modalità di impiego dei 150 milioni del decreto Sostegni. Ampiamente condivisibili pure le perplessità sull’esclusione dall’obbligo di green pass per gli studenti tra i 12 e i 19 anni di cui, al momento, il 46,9% non ha ricevuto neanche una dose di vaccino e il 23,9 soltanto la prima. Si tratta di osservazioni che meriterebbero tutte di essere prese in seria considerazione perché si basano su evidenze e non, come invece è troppo spesso prassi a livello politico e istituzionale, su assunti propagandistici”.

GPS, assunzioni in ruolo e supplenze: nuovo rinvio dal 10 al 21 agosto

(da Infodocenti.it) Il ministero cambia idea per l’ennesima volta e blocca l’inizio delle operazioni. Dopo le resistenze dei sindacati devono aver convinto i vertici del ministero le perplessità esposte dagli uffici scolastici regionali.
Quando si potrà fare la domanda per le immissioni in ruolo e le supplenze da GPS?
Le nuove date che circolano sono dalle ore 9 del 10 agosto alle 23.59 del 21 agosto. Visti i continui tira e molla del ministero, per avere certezze bisogna aspettare l’uscita di una circolare e non basarsi più su quello che si legge su giornali o blog di settore.
Chi dovrà presentare la domanda?
La procedura su Istanze Online interesserà tutti i docenti inseriti nelle GAE e nelle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) in tutte le fasce e elenchi aggiuntivi. Ovviamente per le supplenze i docenti inseriti nelle GAE partecipano con priorità rispetto a quelli inseriti nelle GPS.
La pubblicazione delle GPS dovrebbe precedere l’apertura delle funzioni, mentre la pubblicazione dei posti disponibili dovrebbe arrivare secondo alcune fonti entro il 10 agosto, secondo altre entro il 13. Vedremo.

Formazione obbligatoria sostegno, no al lavoro gratuito

“Con l’emanazione del decreto sulla formazione obbligatoria sul sostegno, assistiamo all’ennesimo scavalcamento delle prerogative contrattuali. Un’invasione di campo da parte di un governo al quale, forse, giova ricordare che in tutti gli ambiti lavorativi l’aggiornamento professionale rientra nell’orario di servizio prestato e, dunque, come tale deve essere considerato a livello retributivo. Escludere le 25 ore di formazione obbligatoria dal monte delle 40 ore delle attività funzionali all’insegnamento e non prevedere alcun esonero significa imporre agli insegnanti di lavorare gratuitamente, una condizione inaccettabile che appartiene ad epoche lontane in cui vigeva la schiavitù”. Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta il decreto ministeriale in attuazione della legge di Bilancio 2021 che introduce 25 ore di formazione obbligatoria per i docenti privi di specializzazione sul sostegno e nelle cui classi siano presenti alunni con disabilità.

“L’unico finanziamento previsto consiste in 10 milioni di euro destinati alla realizzazione dei corsi, cioè all’organizzazione delle attività e alla retribuzione dei formatori. Nulla è stanziato per retribuire l’impegno lavorativo dei docenti. Le scuole dovranno compiere uno sforzo per reperire risorse aggiuntive dal Fondo di istituto oppure dovranno utilizzare l’orario destinato alle riunioni collegiali. Se in qualche scuola si tentasse di ricorrere al ‘volontariato obbligatorio’, – conclude Di Meglio – intraprenderemo azioni legali per ottenere la retribuzione che spetta di diritto”.

IMMISSIONI IN RUOLO: contingenti Veneto, assegnazione province e Fase 2°

Ieri pomeriggio USR Veneto ha pubblicato i CONTINGENTI REGIONALI per le Immissioni in ruolo; gli ESITI della Fase 1° (con assegnazione della Provincia); le INDICAZIONI per la fase 2°. TERMINI DAL 24 AL 27 LUGLIO

Dirigenti Scolastici: conferme e mutamenti di incarico

In data 15 luglio l’USR Veneto ha pubblicato gli elenchi degli incarichi triennali ai Dirigenti Scolastici: si tratta di CONFERME per un ulteriore triennio, oppure di TRASFERIMENTI di sede, sempre con validità triennale. Successivamente dovremmo avere comunicazioni relative a: sedi scolastiche vacanti, eventuali ulteriori nomine di neo-dirigenti, incarichi di reggenza. I mutamenti saranno effettivi dal 1 settembre 2021.